500 Lire Bimetalliche Italiane

Sei curioso di conoscere tutto sulle monete da 500 lire bimetalliche Italiane? Allora sei nel posto giusto! In questo articolo cercheremo di descrivere tutto quello che c’è da sapere su queste monete da 500 lire della Repubblica Italiana che molti di noi ricordano con nostalgia. Parleremo anche del valore delle monete da 500 lire e ovviamente se ci sono 500 lire rare.

500 Lire Bimetalliche Italiane
500 Lire Bimetalliche Italiane

Vedremo anche le varie 500 lire commemorative che sono state coniate nel corso degli anni, fino al 2001 quando le 500 lire bimetalliche, come le altre lire, sono state sostituite dall’euro.

Storia delle 500 lire Bimetalliche Italia

Tutti noi ci ricordiamo di aver avuto fra le mani le 500 lire bimetalliche, ma pochi sanno che questa moneta per noi così comune ha portato diverse innovazioni nel modo di coniare monete.

Innanzi tutto, quando è stata emessa nel 1982 la moneta da 500 lire era la prima moneta bimetallica mai coniata, grazie ad una tecnologia messa a punto dalla Zecca italiana che poi si è diffusa anche in altri paesi.

Possiamo dunque vantare un PRIMATO MONDIALE che ha rivoluzionato il processo di produzione della moneta, ora più difficile da imitare. Questo nuovo metodo ideato da Nicola Ielpo venne studiato per contrastare la falsificazione delle monete, almeno quelle con il valore facciale più alto.

Inoltre, la moneta da 500 lire bimetallica è stata anche la prima moneta a riportare, sull’anello esterno, il valore di L.500 anche in caratteri Braille per facilitarne l’uso alle persone non vedenti.

Un altro primato importante è quello della firma femminile, infatti per la prima volta nella storia della Numismatica italiana è una donna l’autrice delle incisioni.
La firma è di Laura Cretara, classe 1939.

Composizione delle 500 lire bimetalliche

Forse quelli di voi che come me sono nati negli anni ’80 si saranno domandati, da bambini: “Ma saranno fatte d’oro e d’argento?”

Mi spiace deludere i nostri sogni da infanti ma, no. I due metalli che compongono l’anello esterno e il disco centrale delle 500 lire bimetalliche, infatti, non sono in realtà metalli puri ma leghe di metalli diversi usate per coniare monete in Italia a partire dal 1939.

Vediamo allora quali sono queste leghe.

500 Lire Bimetalliche Italia Composizione
Composizione delle 500 Lire Bimetalliche Italiane

L’anello esterno delle monete da 500 lire bimetalliche è una lega composta da ferro, cromo e nichel, con piccole percentuali di molibdeno e vanadio, che prende il nome di Acmonital.

Acmonital è in realtà l’abbreviazione di “acciaio monetario italiano” ed è stato impiegato per coniare una grande varietà di monete. Oltre alle 500 lire bimetalliche infatti, venne usato anche per le 50 lire e 100 lire della Repubblica Italiana, alcune monete da 20 centesimi e 50 centesimi di lire e da 1 e 2 lire del Regno d’Italia e per le monete da 0,2 e 0,5 e da 1 e 2 lek dell’Albania italiana.

Acmonital
Acmonital

Esistono diversi tipi di Acmonital e inizialmente le monete vennero coniate con l’acmonital amagnetico, ma a partire dal 1940 venne usato l’acmonital ferromagnetico, con una minore percentuale di nichel.

L’anello esterno delle 500 lire bimetalliche è quindi composto da acmonital ferromagnetico.

Per quanto riguarda la parte centrale della moneta da 500 lire bimetallica, è anch’essa una lega simile al bronzo, chiamata Bronzital.

In particolare, il brozital, è una lega di rame e alluminio a cui, dal 1968, è stato aggiunta anche una piccola percentuale di nichel.

In Italia, oltre alla parte centrale delle monete da 500 lire bimetalliche, è stato utilizzato anche per le monete da 20 e 200 lire e per la parte esterna delle monete da 1000 lire della Repubblica Italiana.

Bronzital
Bronzital

Anche le monete da 5 e 10 centesimi di lira coniate nel periodo fascista erano in Bronzital.

In generale le monete da 500 lire bimetalliche hanno queste caratteristiche:

  • pesano 6,8 grammi
  • hanno un diametro di 25,8 millimetri
  • hanno il bordo rigato a tratti discontinui
  • il tipo di moneta è Bimetallica
  • sono state realizzate in Bronzital (tondello) e Acmonital (anello)
  • furono coniate dal 1982 al 2001
Iscriviti ora, è gratis.

500 Lire Bimetalliche Italiane – Quirinale

500 Lire Bimetalliche Italia Quirinale
500 Lire Bimetalliche Italiane Quirinale

La prima moneta da 500 Lire Bimetallica Italia è stata coniata nel 1982 ed in seguito ogni anno fino al 1992, poi ancora nel 1995 ed infine nel 2000 e 2001 quando sono poi andate fuori circolazione per l’arrivo dell’euro. Dal 1985 fino al 2001 è stata coniata anche in fondo specchio nella speciale confezione per collezionisti.

Al dritto della moneta da 500 lire bimetallica ha una testa femminile alata che guarda verso sinistra e che rappresenta la Repubblica Italiana. In basso, sotto al collo della figura si trova la firma dell’autrice e sulla parte esterna una stella a cinque punte e la scritta Repubblica Italiana.

Al verso si trova una rappresentazione della piazza del Quirinale con in basso l’anno di coniazione e a sinistra di questo il simbolo di zecca R (Roma). Sull’anello esterno, al verso è riportato il valore della moneta, come abbiamo visto anche in caratteri Braille, fra una spiga ed un rametto d’ulivo.

500 Lire Bimetalliche Italia -Testa Grande Media Piccola
500 Lire Bimetalliche Italia -Testa Grande Media Piccola

Nel corso del tempo il profilo femminile al dritto della moneta da 500 lire bimetallica ha subito delle leggere variazioni dimensionali risultando, a seconda dell’anno di coniazione, un po’ più grande o un po’ più piccolo, dando così il nome alle tre varianti di 500 lire bimetalliche: “testa grande”, “testa media” e “testa piccola”.

Ci sono anche varianti delle 500 lire bimetalliche chiamate “firma piccola” e “firma grande” a seconda delle dimensioni della firma dell’autrice , Laura Cretara.

Valore delle 500 lire bimetalliche

Siete curiosi di conoscere il valore delle monete da 500 lire bimetalliche che avete ritrovato in casa?
Beh, in linea generale, essendo una moneta molto comune (la tiratura è di 1.816.300.000 esemplari) il valore di una moneta da 500 lire bimetallica FDC si aggira sui 3€ o 4€ per quelle del 1995.

Come abbiamo visto però, esistono alcune varianti che raggiungono quotazioni un po’ più alte.

  • Ad esempio le 500 lire bimetalliche coniate nel 2000 e nel 2001, essendo in numero inferiore (classificate NC), possono raggiungere i 10€.
  • Classificate come NC sono anche le 500 lire bimetalliche del 1991 nella variante “testa piccola”, che possono arrivare a valere 15€, mentre dello stesso anno la variante “testa grande” vale solo 3€.
  • Nel 1987 vennero coniate due varianti, una classificata C con “testa media e firma grande” che può valere 3€, un’altra invece classificata NC con “testa media e firma piccola” che in FDC può raggiungere i 40€.
  • Anche nel 1985 furono coniate due varianti: “testa media e firma grande” classificata C che arriva a 3€ e “testa media e firma piccola”, NC, che può arrivare a 25€ (queste sono le monete da 500 lire più rare).

Adesso, se hai delle monete rare come queste (ma anche monete diverse), puoi divertirti e guadagnare un po’ mettendole all’asta online. Noi compriamo e vendiamo monete all’asta sempre usando questo sito nostro partner. E’ il più grande sito di aste online di monete e te lo consigliamo. Sia vendere che comprare monete all’asta facile ed emozionante.


Le 500 Lire Commemorative Repubblica Italiana

Oltre alla moneta del Quirinale, furono coniate 6 diverse Commemorative negli anni:

  • 1993
  • 1994
  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999

Adesso vediamo nel dettaglio tutte le monete da 500 lire Commemorative Bimetalliche Italia.


500 Lire 1993 – Banca d’Italia

500 Lire Bimetalliche Banca d'Italia 1993
500 Lire Bimetalliche Banca d’Italia

La prima delle monete da 500 lire bimetalliche commemorativa venne coniata nel 1993 in occasione del centenario della Banca d’Italia.

Descrizione 500 Lire italiane 100° Banca d’Italia

Come le altre monete da 500 lire bimetalliche, anche queste sono composte da Acmonital e Bronzital.

Al dritto compare il profilo femminile della Repubblica Italiana con sotto il collo la firma di Laura Cretara.

Al verso invece si legge, sull’anello esterno, CENTENARIO DELLA BANCA D’ITALIA e il valore L.500. Nella parte centrale del rovescio di queste 500 lire bimetalliche si trovano il monogramma della Banca d’Italia, le date 1893 e 1993, il segno R della zecca di Roma e la firma dell’autore del disegno Sergio Grossi.

Si conoscono due varianti di questa moneta da 500 lire bimetallica del 100° della Banca d’Italia.

  1. Le 500 lire del primo tipo hanno il disegno del monogramma leggermente più grande e la firma” Grossi” più piccola.
  2. Mentre le 500 lire 100° Banca d’Italia del secondo tipo hanno il disegno del monogramma piccolo e la firma grande.

Si conoscono degli esemplari di queste monete da 500 lire bimetalliche che, a causa dell’usura del conio, presentano come difetto di conio le date 893 – 1993.

Valore 500 Lire 100° Banca d’Italia

Entrambi i tipi di 500 lire bimetalliche commemorative del 100° della Banca d’Italia sono classificate come CC e non raggiungono quindi prezzi molto alti.

  • 500 Lire Banca d’Italia 1993 del 1° tipo se FDC possono valere 3 €
  • Le 500 Lire Banca d’Italia 1993 del 2°tipo solo 2 €.

500 Lire 1994 – Luca Pacioli

500 Lire Bimetalliche Italiane Luca Pacioli 1994
500 Lire Bimetalliche Luca Pacioli

Nel 1994 venne coniata una nuova versione di 500 lire bimetalliche Italiane per commemorare il 500° anniversario della pubblicazione della “Summa de arithmetica, geometria, proportioni et proportionalità” di Luca Pacioli.

Fra Luca Bartolomeo de Pacioli è riconosciuto come il fondatore della ragioneria, fu un matematico, economista e religioso italiano, famoso per aver elaborato il metodo di contabilità detto della “partita doppia”.

Descrizione 500 Lire italiane 500° Luca Pacioli

Al dritto compare il consueto profilo femminile.

Mentre al verso di queste monete da 500 lire bimetalliche commemorative si trova il busto di fra’ Paccioli con elementi architettonici di Sansepolcro, sua città natale, e la firma di Uliana Pernazza, autrice del rovescio, in basso a sinistra.

Sulla corona circolare esterna di queste 500 lire bimetalliche, sempre al rovescio, troviamo la scritta 1494 LVCA PACIOLI 1994 e il valore L.500

Autori:

  • Laura Cretara (Dritto)
  • Uliana Pernazza (Verso)

Valore 500 Lire 500° Pacioli

  • Queste monete da 500 lire bimetalliche commemorative Italia Luca Pacioli, sono classificate come comuni, pertanto il loro valore, anche in qualità FDC, arriva a circa 5 €.

Iscriviti ora, è gratis.

500 Lire 1996 – ISTAT

500 Lire ISTAT 1996
500 Lire ISTAT

Bisogna poi aspettare il 1996 per avere una nuova coniazione di monete da 500 lire bimetalliche commemorative. L’occasione per questa emissione fu il 70° anniversario di fondazione dell’Istituto Nazionale di Statistica.

Descrizione 500 Lire italiane 70° ISTAT

Come nelle altre 500 lire bimetalliche, la figura al dritto rimane invariata.

Mentre al rovescio, il verso, nella porzione centrale della moneta si trova una rappresentazione prospettica del palazzo Sede dell’Istituto Nazionale di Statistica.

Sotto il palazzo si leggono le date 1926 e 1996, e ancora più in basso “70 ISTAT”, il segno di zecca e la firma dell’autrice Claudia Momoni.

Nel giro esterno è scritto ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA e L.500.

Autori:

  • Laura Cretara (Dritto)
  • Claudia Momoni (Verso)

Valore 500 Lire ISTAT

  • Anche queste 500 lire bimetalliche commemorative Italia, ISTAT, sono classificate come comuni, quindi il loro valore si aggira intorno ai 3€.

500 Lire 1997 – 50° Polizia Stradale

500 Lire Polizia Stradale 1997
500 Lire Polizia Stradale

Nel 1997, in occasione del cinquantesimo anniversario della creazione della Polizia stradale, venne coniata una moneta da 500 lire bimetallica commemorativa.

Descrizione 500 Lire italiane Polizia stradale

Come nelle altre monete da 500 lire bimetalliche il dritto rimane invariato, mentre il rovescio è assai più intricato.

Nel cerchio interno in Bronzital al verso troviamo in alto un riquadro con il centauro (simbolo della Polizia stradale), il segno di zecca R nell’angolo in basso a sinistra e “50°” in alto a sinistra.

Sotto il riquadro si trova lo stemma del corpo di Polizia stradale fra le due date 1947 e 1997 mentre ai margini del cerchio interno la scritta “POLIZIA STRADALE”. Infine, in basso a destra la firma dell’autrice del rovescio Maria Carmela Colaneri.

Sulla corona di Acmonital troviamo in alto il valore L.500 sovrapposto ad un reticolo stradale, in basso “POLIZIA DI STATO”.

Autori:

  • Laura Cretara (Dritto)
  • Maria Carmela Colaneri (Verso)

Valore 500 Lire Polizia Stradale (50° Anniversario)

  • Le 500 lire Polizia stradale della Repubblica Italiana, coniate nel 1997 per celebrare il 50° anniversario della fondazione della Polizia stradale valgono, essendo classificate come comuni, al massimo 3€

500 Lire Bimetalliche Italia 1998 – IFAD

500 Lire Bimetalliche Italiane IFAD 1998
500 Lire Bimetalliche Italiane IFAD

Basta aspettare il 1998 ed una nuova moneta da 500 lire bimetallica commemorativa viene coniata in Italia per celebrare il ventennale dell’International Fund for Agricultural Development, appunto IFAD (Fondo internazionale per lo sviluppo dell’agricoltura).

Descrizione 500 Lire italiane 20° IFAD

Al dritto, come sempre, il profilo femminile della personificazione della Repubblica Italiana.

Al verso di questa moneta da 500 lire è raffigurata una mano che tiene una spiga di grano ed una di sorgo, sovrastata dal logo del 20° anniversario dell’Ifad.

Nel cerchio esterno troviamo la firma dell’autrice Luciana De Simoni in basso a sinistra, seguita dal valore L.500 e dal segno di zecca. In alto il marchio e la scritta IFAD sono contenuti dalle date 1978 e 1998.

Autori:

  • Laura Cretara (Dritto)
  • Luciana De Simoni (Verso)

Valore 500 Lire IFAD (20° Anniversario)

  • Con una tiratura di 100.000.000 di esemplari, la moneta da 500 lire bimetallica 20° IFAD è classificata come C e può valere, se FDC, 3€.

500 Lire 1999 – Elezioni Europee

500 Lire Bimetalliche Italiane Elezioni Parlamento 1999
500 Lire Bimetalliche Italia Elezioni Parlamento

L’ultima delle monete da 500 lire bimetalliche commemorative ad essere coniata dalla Repubblica Italiana è quella rilasciata in occasione delle Elezioni Europee del 1999, in occasione del ventennale.

Dal 1979 infatti, ogni cinque anni, si tengono le Elezioni per il Parlamento Europeo.

Descrizione 500 Lire italiane 20° Elezioni Europee

Al dritto il consueto profilo di donna disegnato dalla Cretara.

Nella corona circolare in Acmonital, al verso delle 500 lire bimetalliche 20° Elezioni Europee si trova la scritta “ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO” e in alto alcune stelle che, andando verso il basso, entrano nel cerchio in Bronzital interno.

In questo si trova un’urna elettorale dalla quale fuoriescono le stelle (7 stelle), con a sinistra il segno di zecca e a destra il valore L.500. Sotto l’urna c’è una rappresentazione stilizzata dell’emiciclo del Parlamento Europeo e la bandiera dell’Unione Europea fra le date 1979 e 1999.

Sotto la bandiera la scritta “13 giugno” e sulla sinistra la firma dell’autrice del rovescio Luciana De Simoni.

Autori:

  • Laura Cretara (Dritto)
  • Luciana De Simoni (Verso)

Valore 500 Lire – Elezioni Europee (20° Anniversario)

  • Il valore di queste 500 lire bimetalliche commemorative Elezioni Europee, visto che la tiratura è minore delle altre (50.000.000) può raggiungere i 4€ , nonostante la moneta sia ancora classificata come comune.

Il valore delle 500 Lire Bimetalliche Commemorative

Ecco la tabella con i valori relativi ad ogni Commemorativa, divisa per anni.

Altri tipi di Monete da 500 Lire

500 Lire Repubblica di San Marino

Le 500 lire bimetalliche non furono coniate solo in Italia, ma anche dalla Repubblica di San Marino, dal 1982 al 2001.

A differenza delle monete da 500 lire bimetalliche della Repubblica Italiana, per ogni anno di coniazione le rappresentazioni al dritto e al rovescio di quelle sammarinesi venivano cambiate.

Di queste bimetalliche ne presto ne abbiamo parlato tantissimo in un articolo dedicato che trovi qui: Monete da 500 Lire San Marino.

Le 500 Lire Città del Vaticano

Anche la Città del Vaticano, dal 1982 al 2001, ha coniato monete da 500 lire bimetalliche. Ne parleremo più approfonditamente in un prossimo articolo assieme anche a quelle d’argento.

500 Lire Argento Italiane

Dal 1958 al 1967 in Italia vennero coniate monete da 500 lire in argento. Ne esistono tre tipologie, denominate “Caravelle”, “Centenario unità d’Italia” e “Dante Alighieri“.

In particolare, sono famose le monete da 500 lire in argento con le Caravelle con le bandierine controvento, fra le più rare e preziose monete della Repubblica Italiana.

Iscriviti ora, è gratis.

[Voti: 1   Media: 5/5]

Autore dell'articolo

lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su